Concorso letterario 2020: «Fra pensieri negativi e un amore travolgente»

Concorso letterario 2020: «Fra pensieri negativi e un amore travolgente»

Ogni due anni viene indetto il tradizionale concorso di letteratura dell’Università di Friburgo. I premi sono assegnati per i testi nelle lingue e nelle letterature rappresentate nell’insegnamento universitario. Ottavia Bulloni ha presentato il suo testo in italiano e ha vinto! Un’intervista sulla sua patria e una questione irrisolta.

Congratulazioni per il premio. Cosa significa per lei? Perché ha partecipato a questo concorso?
Grazie! Il testo presentato al concorso è stato il mio primo tentativo di scrittura poetica, il premio simboleggia dunque un inizio, un punto da cui partire per approfondire lo studio letterario. Credo che questa esperienza mi abbia aiutata a prendere coscienza non solo degli aspetti positivi di quanto ho scritto, ma anche dei difetti, delle lacune da colmare. Quando si lanciano nel vuoto le proprie parole sapendo che saranno lette da altri, in questo caso da specialisti, si diviene improvvisamente più consapevoli e autocritici. Proprio per questo motivo ero inizialmente restia a partecipare, tuttavia il desiderio di mettermi in gioco mi ha convinta a superare l’esitazione.

Scrive regolarmente? Cosa l’ha spinta a scrivere questo testo?
Scrivo regolarmente, ma non a fini letterari; si tratta piuttosto di pensieri e fatti quotidiani che annoto in un diario. I vari testi sono nati spontaneamente durante alcuni momenti introspettivi e senza un vero obiettivo. Con il tempo, tuttavia, mi sono resa conto dell’esistenza di un tema comune: non riuscivo a scrivere versi che non parlassero del mio paese e delle persone che lo abitano, come se avessi una questione irrisolta con la terra che mi ha cresciuta. Così, su fogli sparsi, ho cominciato a raccogliere, scartare e modificare fino ad ottenere il risultato che ho presentato al concorso: Anime e terre di casa mia.

Di cosa si tratta (senza svelare troppo)? 
Si tratta di una raccolta in versi nata come omaggio ad una valle per la quale spero un futuro migliore. Tra i vari componimenti si esprime una continua tensione fra il desiderio di fuggire e l’impossibilità di farlo, fra pensieri negativi e un amore travolgente. È forse l’esito del conflitto fra la mia origine provinciale e l’apertura al mondo, così come l’incertezza per i luoghi che mi riserverà il futuro.

Ha una routine di scrittura?
Non ho una vera e propria routine di scrittura: scrivo quando ho qualcosa da dire al mondo, o semplicemente a me stessa, oppure quando osservo nella realtà elementi che mi colpiscono e che sento di dover imprimere su carta. La scrittura è per me un piacere, un momento privilegiato di autocomprensione e comprensione del mondo: ancora non sono riuscita ad impormi un ritmo, temo di logorare la spontaneità del gesto.

Come descriverebbe il suo stile letterario? Ha dei modelli in letteratura?
Sto sperimentando diversi stili e, in base alla lettura di un determinato momento, la forma della parola si estende in varie direzioni. Sicuramente ho dei modelli, principalmente italiani, come Ungaretti, Montale e Pavese, tuttavia ho intenzione di ampliare con il tempo le mie conoscenze e scoprire nuove esperienze letterarie.

Ha in programma altri progetti letterari?
Al momento non ho idee, ma chi lo sa?

__________

__________

Author

Angela Hoppmann ist Germanistin, Philosophin und Autorin, seit 2018 zudem Redaktorin und Social Media Expertin im Team Unicom. Sie bezeichnet sich selbst als Textarchitektin und verfasst in ihrer Freizeit Romane und Kurzgeschichten – wenn sie nicht gerade Tango tanzt, ihre sechste Sprache lernt oder mit Hund Nietzsche unterwegs ist.

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.